Libri

Pubblicato il marzo 5th, 2017 | by Paolo Formichetti

0

Stefano Orlando Puracchio – Rock Progressivo vol. 2 – Linee di confine (2015)


Casa editrice autoprodotto

Pagine 79

Secondo volume per Stefano Orlando Puracchio, ancora una volta dedicato al caro vecchio rock progressive. Le caratteristiche tecniche di base sono le stesse del volume precedente (bella copertina, niente foto, impaginazione perfettibile), così come lo stile piuttosto informale e colloquiale tipico dell’autore. Quello che invece lo differenzia sostanzialmente rispetto al primo volume è la mancanza di un filo conduttore, una linea guida del lavoro che ne garantisca una certa omogeneità. I contenuti sono infatti più che mai vari, tanto che sembra di leggere una rivista musicale piuttosto che un libro. Nel sommario trovano infatti spazio interviste (Solaris, Mini, Perigeo, Arti e Mestieri, Metamorfosi), chiacchierate su un album (Endless River) o una band (Area) che l’autore ha condotto con musicisti di varia estrazione, recensioni di dischi (Periferia del Mondo, Unreal City), divagazioni sul fenomeno New Prog e sui Marillion. Il tutto è piuttosto interessante anche se risulta un po’ strano ritrovare questi contenuti all’interno di un libro, quando la loro sede naturale potrebbe essere una fanzine come le purtroppo defunte Paperlate o Wonderous Stories. Ma forse proprio nella mancanza delle suddette pubblicazioni trova un senso la realizzazione di questo volumetto.

Tags:


Articolo a cura di



Lascia un commento