News

Pubblicato il ottobre 18th, 2017 | by DDG

0

Malihini: due italiani alla corte dei Field Music

Quattro canzoni, prodotte da Richard Formby, già in regia per i Wild Beasts di SMOTHER, disco favorito dei compagni di scuderia Dutch Uncles: il duo romano-palermitano ha appena esordito in una delle case discografiche anglosassoni di riferimento per gli amanti del prog-pop, la Memphis Industries di Field Music e Outfit. Ed è proprio alla wave elettronica di questi ultimi, e al pop moderno di altre band dell’etichetta (come Weaves, Warm Digits e Go! Team) che si possono collegare le canzoni di LOSE EVERYTHING, recensito in UK con l’impegnativo riferimento a Bob Dylan fronting LCD Sound system: e la ipnotica canzone che dà il titolo all’opera, col mix tra loop sintetici e incroci di voci umane, insieme alla più rilassata Michael, conferma la capacità di incrociare efficacemente cantautorato e wave elettronica già mostrata dalle precedenti uscite del duo (come il singolo Miss, riproposto in chiusura dell’EP).

Una buona anteprima dell’esordio sulla lunga distanza che potrebbe arrivare già nei prossimi mesi: nel frattempo, il duo ha iniziato un tour che prevede diversi incroci con le altre band Memphis Industries, e anche il ritorno in Italia per lo Psych Festival di Roma, dove è in cartellone anche Andrea Laszlo De Simone, intervistato da Open qualche tempo fa.

Tags: , , , ,


Articolo a cura di



Lascia un commento