FRANCESCO GAZZARA & THE PIANO ROOM in concerto

 

OPEN MAGAZINE & LO SCIAMANO MUSIC SCHOOL presentano

FRANCESCO GAZZARA & THE PIANO ROOM in concerto

ROMA 01.02.19 – Auditorium Lo Sciamano
Via Costantino Morin, 30 (Metro Ottaviano)

Presentazione nuovo album “2084”

SOLO 70 POSTI DISPONIBILI – INGRESSO 5 EURO


Programma
Ore 20 : apertura porte
Ore 21 : inizio concerto
Ore 22.30 : fine concerto

E’ ancora attuale il 1984 distopico di George Orwell esattamente 70 anni dopo la sua prima pubblicazione? Indubbiamente si. Ispirato parzialmente al romanzo “2084: The End Of The World” scritto nel 2015 dall’autore algerino Boualem Sansal, il nuovo concept album di The Piano Room “2084” è anche un tributo – soprattutto nell’organico elettronico e nella strumentazione – all’album “1984” di Anthony Phillips (primo chitarrista e fondatore dei Genesis), capolavoro innovativo della scena progressive rock e dell’elettronica nei primi anni ’80.

L’intero concept album, diviso in quattro parti, è stato composto, arrangiato e suonato da Francesco Gazzara, che ha gestito un intero arsenale di sintetizzatori come una vera orchestra sinfonica. In questo senso rientra un certo stile cinematografico dell’opera – da anni Gazzara è anche autore di colonne sonore per TV e cinema – influenzato dagli esperimenti elettronici del regista/musicista John Carpenter soprattutto nella traccia di apertura “Prologue 2084”.

Lasciamo quindi che le nostre orecchie vengano inondate da quelle classiche sonorità dell’elettronica vintage (in questo caso sia analogica che digitale) – Polymoog, Arp 2600, Arp Odyssey, Prophet 5, Korg MS20, Mellotron, organo Hammond B3, pianoforte Yamaha CP80 – e dal timbro subito riconoscibile della drum machine Roland CR-78 (la stessa usata dai Genesis in Duke e da Phil Collins in In The Air Tonight).

Artwork & cover concept: Giulio Fermetti


Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il video della settimana

  • In uscita il 12 aprile il primo album solista di Giancarlo Erra (Nosound), intitolato ENDS. L’album comprende una suite strumentale in otto movimenti, che racchiude in sé pattern di pianoforte, tappeti di synth, evocativi passaggi di archi e pulsazioni elettroniche.

  • Tracce

  • Social

  • Ballads di Roberto Paravani