STERBUS in concerto

 

OPEN MAGAZINE & LO SCIAMANO MUSIC SCHOOL presentano

STERBUS IN CONCERTO

ROMA 03.03.18 – Auditorium Lo Sciamano Music School
Via Costantino Morin, 30 (Metro Ottaviano)

La nuova via acustica dello Zelig dell’Indie Romano

SOLO 70 POSTI NUMERATI DISPONIBILI
Acquista il biglietto




Programma
Ore 19 : apertura porte
Ore 19.15 / 20.30 : aperitivo (compreso nel biglietto)
Ore 21 : inizio concerto
Ore 22.30 : fine concerto

Quando il polistrumentista romano Emanuele Sterbini, in arte Sterbus, esordisce nel 2007 con l’ep EVA ANGER, ha già anni di carriera come bassista alle spalle, dentro band di beat cattolico, power pop e rock sperimentale: e l’ecletticità dello “Zelig dell’indie romano” si riflette nella scaletta, dove gli echi stoner e post-rock si mescolano a quelli dei padri riconosciuti – Cardiacs e Frank Zappa, XTC e King Crimson.

Nel 2013, dopo la pubblicazione del quarto album SMASH THE SUN ALIGHT, Sterbus viene invitato a Londra per il concerto tributo al leader dei Cardiacs Tim Smith, entrando nella grande famiglia della band inglese: la sua versione di Dirty Boy viene anche inserita nella raccolta LEADER OF THE STARRY SKIES/A LOYAL COMPANION (2014, Believer Roast/Genepool), in una scaletta che include Steven Wilson, Andy Partridge, Silvery, Knifeworld e Magic Numbers, oltre alle numerose band collaterali degli amici di Smith.

Dopo l’uscita di A WONDERFUL DISTRUST (2015), con il consolidarsi della collaborazione con Dominique D’Avanzo alla voce e al clarinetto, Sterbus diventa un duo. Il gruppo è ora capace anche di rinunciare ai suoni elettrici in nome di più delicate strutture alt-pop da camera, sicuramente memori della lezione dei Sea Nymphs, il trio acustico di Tim Smith, Sarah Smith e William D. Drake che dava seguito alle pagine più eteree del canzoniere della band inglese.

LINE UP
Emanuele Sterbini (voce, chitarra, suoni vari assortiti)
Dominique D’Avanzo (voce, clarinetto, flauto traverso)

Con la partecipazione di Riccardo Piergiovanni (pianoforte)


Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il video della settimana

  • VIER degli statunitensi Perfect Beings, pubblicato all’inizio dell’anno, rischia di essere da subito il miglior album prog del 2018. Quattro suite molto diverse tra loro e una musicalità ricca di sfumature testimoniano una crescita esponenziale rispetto ai primi due album del gruppo… (Paolo Carnelli)

  • Tracce

  • Social

  • Ballads di Roberto Paravani